Come stanno le banche europee? (seconda parte)

Banche europee / 2

Banche europee / 2

Proseguendo dal post precedente, si è voluto rappresentare anche un secondo dato: il peso delle due banche nazionali è stato inserito in un grafico a più dimensioni e non su una mappa come nel caso precedente.

Invertendo il valore degli assi per mostrare la situazione migliore in alto a destra si sono voluti mostrare alcuni tra gli indicatori riportati nell’articolo: il rapporto tra la somma degli attivi di bilancio ed il pil e tra la somma del peso dei derivati e quest’ultimo, per evidenziare la rischiosità assunta dagli istituti. Infine, più il colore del segnaposto è acceso, meno è intenso il peso degli impieghi verso altre banche da parte dei soggetti esaminati.

Il nostro Paese, come risulta dalla grafica, è posizionato meglio di altri paesi europei.

Documenti

Scritto da:
Andrea Gianotti
Documenti:
Categorie:
TAG:
| | |
Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>