Chi preferisce le donne: le assunzioni nel 2011

Un piccolo passo alla volta. È lento e difficile il percorso delle donne italiane verso la parità di condizioni nel mondo del lavoro. Nell’ultimo anno – a giudicare dai dati forniti da Unioncamere-ministero del Lavoro (sistema informativo Excelsior) – le previsioni di assunzione delle imprese hanno visto crescere la richiesta di donne di quasi un punto percentuale. Poco certo, ma come direbbero i mercati trend is my friend. Con un’ottica di maggior periodo, infatti, i risultati sono più evidenti. «La quota di assunzioni femminili sul totale, tra il 2003 e il 2010 – spiega Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere –, dovrebbe essersi innalzata strutturalmente di circa tre punti. È un capitale importante, su cui dobbiamo costruire perché il rilancio dell’Italia passa necessariamente dal maggior coinvolgimento delle donne nel mondo produttivo, nel lavoro come nell’impresa».

Quali settori dell’economia prediligono (e prevedono di) assumere figure femminili nel corso di quest’anno? L’infografica seguente mostra i dati complessivi del mondo dei servizi, dell’industria nonché i settori più sbilanciati e, infine, una vista per classe dimensionale dell’impresa.

Preferenze di assunzioni per genere nei settori economici

Preferenze di assunzioni per genere nei settori economici

Da Il Sole 24 ORE del 19 settembre 2011, pagina 27
Più donne nell’industria

 
Commenti (2) Trackback Permalink | 21.09.2011
Scritto da:
Andrea Gianotti
Categorie:

2 risposte a Chi preferisce le donne: le assunzioni nel 2011

 
Commenti
 
  1. Leonaltro scrive:

    Mah. Sarà pur vero che dal 2010 al 2011 la richiesta di personale femminile è cresciuta dello 0,7, ma la richiesta di maschi è cresciuta del 3,3%, quindi di fatto lo spazio per le donne si è ristretto invece che crescere. A mio avviso l’indicatore più importante per la vera parità è la quota di “indifferente” .

    • Andrea Gianotti scrive:

      Il bello dei dati è che sono “fermi”, mentre se si sposta il punto di osservazione si trovano deduzioni differenti: grazie per il suggerimento!

Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>