La ricchezza delle nazioni

[...] Il prezzo della moneta è il tasso di interesse. Supponiamo che voi vogliate comperare un motorino a rate. Il motorino costa 1500 euro, ma mettendo assieme i regali di Natale e di compleanno avete solo 250 euro; il resto lo dovete pagare a rate, in quattro anni: ogni mese dovrete restituire… quanto? Se dovete pagare ancora 1250 euro, e dividete questa somma per i 48 prossimi mesi (quattro anni), fanno circa 26 euro al mese. Ma in realtà dovrete pagare di più, perché chi vi fa credito corre un rischio – vi dà un motorino prima di avere i soldi – e poi ogni anno i prezzi aumentano, poco o molto: quel che si può acquistare con 26 euro fra quattro anni sarà meno di quel che si può acquistare oggi con 26 euro. Quindi è giusto che quando restituite i soldi nel tempo paghiate qualcosa di più di quel che paghereste se li doveste dare tutti oggi. Quel “qualcosa di più” è il tasso di interesse, o “costo del danaro”, o “prezzo della moneta”.

Prendo a prestito il titolo di un classico di Adam Smith per introdurre l’infografica di oggi, che ho ripreso dalle pagine Junior del Sole 24 ORE di domenica 9 ottobre 2011, e che racchiude alcune informazioni che riguardano le classifiche mondiali di alcuni concetti di “benessere”, nonché il testo di letteratura italiana più famoso quando si parla di statistica: la storia del famoso pollo di Trilussa.

La ricchezza delle nazioni

La ricchezza delle nazioni

La ricchezza di un Paese? Non i soldi ma il «saper fare»
Da Il Sole 24 ORE (pagine Junior) del 9 ottobre 2011, pagina 11

Documenti

 
Commento (1) Trackback Permalink | 12.10.2011
Scritto da:
Andrea Gianotti
Categorie:
TAG:

Una risposta a La ricchezza delle nazioni

 
Commenti
 
  1. limousine scrive:

    E’ vero che il pil non è un indicatore corretto, in quanto non tiene conto di alcuni fattori che potrebbero aumentarlo ma non per questo indicare un aumento del benessere della popolazione.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>