Il poster della riforma del lavoro

Come cambia il mondo del lavoro? Dai nuovi contratti all’art.18: ecco il poster della riforma che inquadra le nuove regole sia sul versante delle entrate che sul versante delle uscite, ovvero i canali di accesso all’impiego e le tutele per i licenziamenti.

Gli obiettivi

Rendere più dinamico il mercato del lavoro, soprattutto a vantaggio delle fasce svantaggiate, a partire dai giovani; rendere meno conveniente l’occupazione “precaria”; reindirizzare il mercato verso il ricorso prevalente alla forma del lavoro subordinato a tempo indeterminato, in modo da contrastare le forme improprie della flessibilità. Al seguente link è possibile visionare il documento del ministro del lavoro che oggi sarà sottoposto ai sindacati.

Il poster della riforma del lavoro

Il poster della riforma del lavoro

Le novità per le imprese

Assumere manodopera precaria costerà di più. Le imprese non potranno più contare sugli stagisti se i ragazzi avranno terminato il periodo di formazione (laurea, master, dottorati). Mentre se un magistrato annullerà un licenziamento per motivi economici non potrà più imporre all’azienda il reintrego del lavoratore (articolo 18); questo viene sostituito dal pagamento di un’indennità risarcitoria compresa tra un minimo di 15 e un massimo di 27 mensilità (calcolate sull’ultima retribuzione globale di fatto).
La bozza di riforma del marcato del lavoro elaborata dal ministro Elsa Fornero prevede, per le aziende, più chance di utilizzare i lavoratori a tempo.Anche se nelle imprese con un elevato numero di addetti precari il costo del lavoro subirà inevitabilmente un’impennata.
Per le imprese di dimensioni più piccole sarà invece più agevole accedere ai nuovi ammortizzatori sociali.

Da Il Sole 24 Ore di giovedì 22 marzo pag. 5-6; 8-9
La riforma del lavoro

Documenti

Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:
Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>