Chiusura imprese: in controtendenza solo Lazio e Lombardia

UnioncamereInfocamere ha registrato da gennaio a maggio di quest’anno 197.583 cessazioni di attività, record negativo che ha peggiorato persino il dato del 2009. Ancora tante le chiusure ma ci sono segnali di vitalità che confermano l’alta imprenditorialità degli italiani.

Dopo un triennio di riduzioni, ad aprile le chiusure sono tornate a crescere mentre a maggio abbiamo superato il valore già elevato registrato lo scorso anno. L’infografica mostra le cessazioni e le aperture per regione da gennaio a maggio:

Il censimento delle cessazioni e delle aperture

Il censimento delle cessazioni e delle aperture



A confermare un trend in controtendenza, con incrementi sostenuti, solo Lazio e Lombardia. È il Lazio che registra il saldo più favorevole: 5.378 imprese in più nei primi cinque mesi dell’anno. Segue la Lombardia con 2.027 imprese in più.

Il trend di crescita della provincia di Roma da gennaio a maggio è evidente in quasi tutte le figure giuridiche. Ad eccezione delle società di persone che registrano 68 unità in meno, infatti, tutte le altre classi d’impresa sono in crescita.

Il dato migliore – più 3.166 unità – è segnato dalle società di capitale, ma crescono anche le imprese individuali (+1.845) e le altre forme (+ 435).

Da Imprese e territori de Il Sole 24 Ore di Lunedì 11 giugno
Chiusura delle imprese: a maggio peggiora il trend

Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:
TAG:
|
Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>