Crisi europea: il ruolo del fondo salva-Stati

In questi giorni l’Italia sta negoziando la possibilità di consentire ai fondi europei Efsf e Esm di intervenire sui mercati finanziari, con l’aiuto della Banca centrale europea, acquistando titoli pubblici e raffreddando i rendimenti obbligazionari.

L’obiettivo dei governi è di spezzare un legame che negli ultimi giorni ha trascinato anche Cipro, costretta a chiedere aiuto ai suoi partner europei. La questione è come fare: se attraverso la nascita di una unione bancaria o grazie anche a misure d’emergenza.
Nel tentativo di salvare l’Europa, i fondi salva-Stati possono rappresentare la chiave del problema. Ma cosa può fare il fondo salva-Stati? Ecco uno schema:

Cosa può fare il fondo salva-Stati Esm

Cosa può fare il fondo salva-Stati Esm

Che cosa ostacola i due fondi

La possibilità è concessa dai trattati che hanno istituito i due fondi ma ci sono ostacoli politici e tecnici. Prima di tutto, l’Italia come la Spagna non vuole sottomettersi a condizioni economiche. In secondo luogo, i due fondi europei non hanno sufficiente denaro per influenzare in modo decisivo l’andamento dei rendimenti obbligazionari di un Paese come l’Italia.
Una delle possibilità potrebbe essere quindi di dare all’Efsf e all’Esm una licenza bancaria perchè possano rifinanziarsi alla Bce.
Il nodo è giuridico e politico soprattutto in Germania che teme di firmare un assegno in bianco.

Da Il Sole 24 Ore di Giovedì 28 Giugno
Misure di emergenza al centro dei negoziati

Documenti

Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:
TAG:
|
Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>