Crisi europea: ecco la mappa del debito pubblico

Il dibattito sulla crisi europea è in corso. Sul tavolo le misure per garantire la stabilità dell’Eurozona e affrontare le tensioni dei mercati. Il gruppo dei quattro – Germania, Francia, Spagna e Italia – continua il suo lavoro di confronto soprattutto su spread e banche.

Il Consiglio Europeo sarà chiamato oggi e venerdì a discutere non tanto del futuro dell’unione monetaria, quanto del suo presente. La partita sul breve termine è aperta e bisogna decidere in fretta i meccanismi da attuare per ricapitalizzare le banche, come anti-spread, e la mutualizzazione dei debiti dell’Eurozona.

Di seguito vi proponiamo un’infografica che mostra il peso del debito pubblico dell’Eurozona:

Il peso del debito pubblico

Il peso del debito pubblico

La parola chiave: Eurobond

Gli Eurobond sono emissioni comuni di debito tra i Paesi dell’area euro e hanno come scopo quello di spalmare il rischio tra i 17 Stati membri dell’area euro in modo da far scendere i rendimenti dei Paesi periferici.
La proposta prevede la creazione di un’agenzia europea del debito incaricata di coordinare le emissioni.

Prima di arrivare a una vera e propria unificazione dei debiti, una versione più limitata degli eurobond è il cosiddetto redemption fund (Erf), un fondo di riscatto dei debiti che prevede di mettere in comune solo la parte di debito pubblico nazionale che eccede il 60% in rapporto al Pil.
In questo modo tutti i Paesi membri dell’Eurozona si ritroverebbero con un debito pari o inferiore al 60% del Pil, con l’adozione di leggi nazionali destinate a impedire che la soglia venga di nuovo superata.

Da Il Sole 24 Ore di Mercoledì 27 Giugno
G-4: spegnere l’incendio sui mercati

Documenti

 
Commento (1) Trackback Permalink | 28.06.2012
Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:

Una risposta a Crisi europea: ecco la mappa del debito pubblico

 
Commenti
 
  1. Pingback: TAXXI.it

Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>