Videogiochi, i numeri della crisi

L’industria dei videogame è in crisi. Eppure la crisi non riguarda i giochi elettronici in sé ma le macchine che li hanno ospitati in tutti questi anni.
La mobilità va a sostituire la cara console e il business si sposta su smartphone, tablet e social network.

Nintendo per la prima volta negli ultimi 30 anni ha registrato il primo “rosso”.
Lo stesso vale per la Sony. In Italia l’industria videoludica è scesa sotto il miliardo di euro (-7%) mentre negli Stati Uniti il calo è stato del 32%.

L’infografica mostra tutti i numeri della crisi del settore:

Videogame: i numeri della crisi

Videogame: i numeri della crisi

Parallelamente il business dei giochi su dispositivi mobili cresce del 20% circa l’anno. La produzione di videogame si è sdoppiata: su console domestica produzioni da centinaia di milioni di dollari, su smartphone e tablet giochi più semplici da pochi euro ma in grado di attrarre vaste fasce di pubblico.

Oggi sette sviluppatori su dieci si concentra proprio su apps e social gaming. Tuttavia sono pochi i quelli che sono riusciti a mettere su un vero e proprio business. Rovio, Zynga e Mojang per citarne alcuni.

Da Nòva de Il Sole 24 Ore di domenica 3 giugno 2012 pag. 52
Le console invecchiano male, il futuro sarà lo streaming

Documenti

Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:
TAG:
Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>