I padroni del mercato: ecco chi comanda sui listini

I mercati possono essere rappresentati come una grande ragnatela . A tesserla sono quelli che vengono definiti i “giganti della finanza”: banche, i grandi fondi e le agenzie di rating. I big non solo muovono da soli e per conto di terzi masse enormi di denaro, ma con i loro report influenzano gli altri.

Secondo le stime di qualche anno fa di Mc Kinsey, i giganti della finanza hanno in gestione nel mondo qualcosa come 25mila miliardi di dollari. 18mila miliardi i fondi comuni, 16mila miliardi in assicurazioni, 5mila miliardi i fondi sovrani. Denari non equamente distribuiti ma concentrati nelle mani di pochi che ne controllano la quota maggiore. Ci sono poi le grandi banche che fanno girare la fetta maggiore dei mercati finanziari: i primi 5 istituti americani detengono per esempio 310mila miliardi di dollari derivati.

L’infografica mostra la ragnatela dei mercati e i maggiori investitori che la tessono:

I padroni del mercato:ecco chi comanda sui listini

I padroni del mercato:ecco chi comanda sui listini

Le banche

Le banche, le cosiddette “too big to fail”, non solo hanno attivi totali giganteschi ma svolgono anche attività intrecciate facendo girare somme enormi di denaro. Mckinsey posiziona Barclays e JP Morgan tra i primi 10 più grandi investitori del mondo. Contemporaneamente le stesse banche gestiscono i soldi propri, investendoli sul mercato. Inoltre, svolgono anche il servizio di broker, intermediando per conto di clienti le compravendite di azioni, bond o derivati. Questo non permette loro di determinare i prezzi direttamente, ma di influire sullo spread.
Infine, svolgono attività di prestito di titoli.

I grandi fondi

Tra i grandi fondi BlackRock è il maggiore: oltre ad avere in gestione 3.513 miliardi di dollari, il colosso vende a 200 investitori in tutto il mondo il suo software di gestione dei rischi. Indirettamente questo software potrebbe influenzare 9.500 miliardi di dollari.

I grandi fondi e le banche pubblicano studi sugli Stati, report che essendo prodotti dai big della finanza producono effetti tangibili.

Le agenzie di rating

Le agenzie di rating, o i signori delle pagelle, non investono e non muovono denaro ma con i loro giudizi influenzano le decisioni di milioni di investitori. Perché avviene: tanti fondi sono vincolati, nei loro investimenti, dai rating. Annachiara Marcandilli, managing director di Cambridge Associates, racconta:”Molti fondi hanno nei documenti costitutivi l’imperativo di tenere titoli valutati Tripla A. Qunado Standard & Poor’s ha declassato gli Stati Uniti, tanti hanno dovuto adeguare gli statuti per non essere costretti a vendere T-Bond”.

Tutti questi soggetti sono in gran parte intrecciati da legami azionari l’uno all’altro.

Da Il Sole 24 Ore – In manovra i 40 “re” dei mercati

 
Commenti (6) Trackback Permalink | 6.08.2012
Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:
TAG:
|

6 risposte a I padroni del mercato: ecco chi comanda sui listini

 
Commenti
 
  1. Diana scrive:

    Dunque noi siamo schiavi del mercato che, a suo piacimento, può spremere le nostre tasche finche’ e’ possibile tirarne fuori qualcosa. Si tratta di entità sovranazionali che fanno un uso indiscriminato del loro potere e che, mi sembra, nessuno riesce a contrastare. Sono i veri detentori del potere, come possiamo opporci?

  2. Pingback: Domanda ai Liberisti

  3. Pingback: I padroni del mercato: ecco chi comanda sui listini | Il SOle 24Ore | The business value of technology | Scoop.it

  4. Pingback: Il mercato ha fallito, liberisti ammettete i vostri errori - Pagina 3

  5. Pingback: Ecco chi manovra i "famosi" mercati che condizionano ogni decisione « Grida la Tua

  6. Pingback: teleradionews ♥ non solo notizie da caiazzo & dintorni » Ecco chi manovra i “famosi” mercati che condizionano ogni decisione

Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>