La mappa dell’Italia che va a carbone

In questi giorni l’attenzione dei media è focalizzata sul Sulcis e sulle sue richieste del progetto della centrale a carbone, con tecnologia innovativa e quindi meno inquinante da integrare alla miniera della Carbosulcis, purché sia a carbone perché la tradizione di quest’area è l’industria estrattivo mineraria. Partiamo dal Sulcis per fare il punto sull’Italia che va a carbone.

In Italia ci sono 13 centrali a carbone e due progetti che potrebbero essere realizzati a Saline Joniche e a Porto Tolle.

L’infografica mostra l’Italia che va a carbone: il fabbisogno, le centrali attive e quelle in progettazione:

L'Italia che va a carbone

L'Italia che va a carbone

Secondo i dati di Assocarboni, Associazione generale Operatori Carboni, l’Italia importa 17 milioni di tonnellate di carbone per il vapore che vengono usati nelle centrali e 7 milioni per la metallurgia. C’è infatti nel paese un unico sito estrattivo, quello del Sulcis, che però soddisfa una minima parte del fabbisogno, in gran parte per il contenuto di zolfo. Oggi al Ministero si terrà l’incontro con Regione e Provincia per trovare una soluzione.

Da Imprese e territorio de Il Sole 24 Ore di venerdì 31 Agosto 2012
Il Sulcis vuole una centrale a carbone

Documenti

 
Commento (1) Trackback Permalink | 31.08.2012
Scritto da:
Marianna Tramontano
Categorie:

Una risposta a La mappa dell’Italia che va a carbone

 
Commenti
 
  1. Pingback: L’Italia che va a carbone | Sicurezza Energetica

Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>