Hi-tech a caccia di nuovi mercati

Manus, Brasile. La città nel cuore dell’Amazzonia, oggi, grazie al regime di zona franca, è una delle capitali mondiali delle due ruote, con 600 imprese (tra cui Honda, Suzuki, Kawasaki) che fatturano 200miliardi di euro l’anno. Che cosa c’entra con l’innovazione tecnologica italiana? C’entra. Perchè alcune di quelle imprese hanno visitato il Parco Tecnologico Navacchio, e ora si lavora a possibili partnership. Con ricadute anche per l’Italia.

L’hi-tech è a caccia di nuovi mercati. In Italia esiste un sistema di quasi 800 aziende che registrano un fatturato oltre il miliardo: start up, incubatori universitari e i parchi scientifici e tecnologici italiani, Pmi gestite dall’Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici italiani, che sta recentemente  provando ad ampliare il perimetro attingendo proprio dal mondo universitario e da Italia Startup.

Al momento, sono 27 le città italiane che ospitano i parchi scientifici associati all’Apsti: sviluppare reti di sinergia e collaborazione tra queste realtà, per non disperdere l’innovazione e il know-how, è priorità fondamentale per la salvaguardia della competitività del Belpaese.

Tra i casi di eccellenza dei Parchi dell’Apsti  si annoverano:

  • Bioindustry Park, Collaretto Giacosa (Canavese)
  • Vega, Venezia
  • Kilometro Rosso, Bergamo
  • Parco tecnologico padano, Lodi
  • Area Science Park, Trieste
  • Trentino sviluppo, Rovereto
  • Polo Tecnologico di Navacchio, Pisa
  • Aster, Bologna
  • Campania innovazione

Quello che rallenta l’ampliamento voluto dall’Apsti è anzitutto la difficoltà di recuperare  risorse nel territorio italiano, così che anche la ricerca e l’innovazione, come l’industria in generale, devono cercare oltreconfine realistiche prospettive di sviluppo.

Le rotte del futuro, oltre a Brasile, Russia, India e Cina ( cosidetti “Bric“), saranno i new eleven, ovvero gli undici Paesi che hanno maggiori prospettive di crescita,  tra cui Nigeria, Messico, Egitto e Turchia.

L’infografica propone una mappa delle città italiane che ospitano i parchi scientifici e tecnologici dell’Apsti.

La mappa

La mappa

Tratto da Il Sole 24 Ore, 5 Febbraio 2013, pag. 31

Documenti

 
Commento (1) Trackback Permalink | 5.02.2013
Scritto da:
Antjniska Laganà
Documenti:
Categorie:

Una risposta a Hi-tech a caccia di nuovi mercati

 
Commenti
 
  1. Pingback: Hi-tech a caccia di nuovi mercati | Il Sole 24Ore | The business value of technology | Scoop.it

Scrivi un commento

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>